Tag

, ,

Dietro il semplice acronimo CSS (Cascading Style Sheets – Fogli di stile a cascata) si nasconde uno dei fondamentali linguaggi standard. La sua storia cammina su binari paralleli rispetto a quelli di HTML, di cui vuole essere l’ideale complemento. Da sempre infatti, nelle intenzioni degli uomini del Consortium, HTML, così come la sua recente evoluzione, XHTML, dovrebbe essere visto semplicemente come un linguaggio strutturale, alieno da qualunque scopo attinente la presentazione di un documento. Per questo obiettivo, ovvero arricchire l’aspetto visuale ed estetico di una pagina, lo strumento designato sono appunto i CSS. L’ideale perseguito da anni si può sintetizzare con una nota espressione: separare il contenuto dalla presentazione.

La prima specifica ufficiale di CSS risale al dicembre del 1996. Nel maggio 1998 è stata la volta della seconda versione: CSS2. Niente stravolgimenti, ma molte aggiunte rispetto alla prima. CSS2 non è altro cheCSS1 più alcune nuove proprietà, valori di proprietà e definizioni per stili non canonici come quelli rivolti alla stampa o alla definizione di contenuti audio. E’ attualmente allo stato di Working Draft la nuova specifica CSS3.

A cosa servono

Inizio questa sezione con un’affermazione perentoria: se siete seriamente interessati alle tecnologie web non potete ignorare i CSS. Chi conosce un minimo di HTML è pienamente consapevole dei limiti di questo linguaggio sul lato della pura presentazione. A dire il vero, non è giusto parlare di limiti: HTML non è nato per questo. E’ stato però piegato a fare cose che intrinsecamente non era in grado di fare. Bene: quasi tutto quello che con HTML non potete realizzare, riuscirete a farlo con i fogli di stile.

Finalmente, ad esempio, potrete dare al testo delle vostre pagine un aspetto da word-processor: non solo con il colore o i font che preferite, ma con un sistema di interlinea pratico e funzionale, con le decorazioni che desiderate, riuscendo a spaziare lettere e parole, impostando stili diversiper titoli e paragrafi, sfruttando i benefici dell’indentatura o dellagiustificazione.

Ancora, potrete finalmente distanziare gli elementi della vostra pagina in maniera semplice e intuitiva con un potente meccanismo di gestione dei margini. Tonnellate di gif trasparenti usate per spaziare possono essere finalmente gettate nel cestino del vostro computer. E se i margini non bastano sarete in grado ora di aggiungere bellissimi bordi non solo alle tabelle, ma a tutti gli elementi di una pagina.

Per non parlare degli sfondi: li potrete applicare a quello che volete. E dimenticate quelle brutte micro-textures. Ora siete voi a decidere come usare un’immagine di sfondo: la potete ripetere in una sola direzione, in due o per niente! Facile e comodo.

La cosa più bella è che la gestione del sito non sarà mai più un incubo. Se quel bellissimo disegno di prima vi stufa, non dovrete più andare a modificare una per una 300 pagine! I CSS sono separati dal documento. Aprite un foglio di stile, cambiate l’immagine e il gioco è fatto. Il risultato sono pagine più leggere e facili da modificare. Milioni di byte di banda risparmiati per la gioia degli utenti.

Se poi avete a cuore l’accessibilità i CSS sono uno strumento portentoso, anche grazie al fatto di poter essere gestiti con linguaggi di scripting avanzati in grado di modificare con un solo click l’aspetto di una pagina.