CONTROLLO ORTOGRAFIA E GRAMMATICA IN WORD

Tag

, , , , ,

Il comando Controllo ortografia e grammatica ti aiuta a trovare gli errori di ortografia e di grammatica che hai commesso digitando un testo.

Come si utilizza


Per controllare la correttezza grammaticale o ortografica di un testo, segui questi passi:

 

Seleziona l’intero testo.

 

Fai clic su Strumenti/Controllo ortografia e grammatica nella barra dei menu’.
Verrà visualizzata la finestra di dialogo Ortografia e grammatica che presenta varie aree da analizzare.

Controllo ortografia e grammatica


Sezione della finestra di dialogo Ortografia e grammatica

Non nel dizionario:
in questa area viene evidenziata in rosso la parola che non è contenuta nel dizionario di Word e che quindi il programma considera errata.
Digitando il mio testo infatti ho scambiato la lettera t con la d scrivendo la parola Andando.
Nota!
Spesso Word considera errate delle parole che in realtà sono corrette proprio perchè non sono contenute nel suo dizionario.

Suggerimenti:
Nell’area Suggerimenti Word propone una serie di parole che potrebbero sostituire la forma errata o ti suggerisce come correggere gli errori.
In questo caso mi propone infatti la parola Andando. Non sempre però il suggerimento risulta esatto.

 

Opzioni:
Facendo clic su questo tasto, appare una finestra di dialogo che permette di personalizzare il controllo dell’ortografia e della grammatica.


Finestra di dialogo  Ortografia  e grammatica

La parte destra della finestra di dialogo Controllo ortografia e grammatica presenta una serie di tasti:

Ignora
facendo clic su questo tasto, la parola che Word considera errata viene ignorata. Word quindi continua nella segnalazione di altre parole che ritiene errate.

 

Ignora tutto
facendo clic su questo tasto, vengono ignorate tutte le parole che Word considera errate.

 

Aggiungi
questa voce permette di aggiungere la parola evidenziata in rosso al dizionario di Word che quindi non la riterrà piu’ errata.

 

Cambia
facendo clic su questo tasto, la parola errata viene sostituita con il suggerimento da te selezionato nell’area Suggerimenti.

 

Cambia tutto
La parola viene modificata in tutto il testo corrente.

Correzione automatica
Se fai clic su questo tasto, la parola verrà inserita nell’elenco di parole di correzione automatica. Quando successivamente la parola verrà digitata in modo errato, Word la correggerà automaticamente.

Successiva
Questo tasto appare quando si inizia ad analizzare la frase successiva.

 

Il valore del controllo ortografico e grammaticale automatico

Secondo la mia opinione questo comando non sostituisce assolutamente il valore e l’efficacia della revisione personale. Deve essere utilizzato solamente come aiuto, contributo alla revisione perchè comunque può aiutarti a ritrovare errori che, a causa dell’effetto memoria, non riesci a vedere.

 

Spesso accade infatti che il controllo ortografico e grammaticale di Word consideri errate delle parole che non lo sono o non metta in evidenza altre forme che invece sono errate.

Nulla può sostituire una revisione personale ben fatta. Per sapere come fare una buona revisione ti consiglio il sito www.mestierediscrivere.com

Consiglio: Per selezionare da tastiera il comando Controllo ortografia e grammatica, fai clic   su F7.

Rientro dei paragrafi

Tag

, , , ,

I rientri determinano la distanza tra il paragrafo e il margine destro o sinistro. All’interno dei margini è possibile aumentare o ridurre i rientri di un paragrafo o di un gruppo di paragrafi. È inoltre possibile creare un rientro negativo, spostando il paragrafo a sinistra del margine sinistro, o anche creare un rientro sporgente, in cui la prima riga del paragrafo non è rientrata, mentre lo sono le righe successive.


Rientri dei paragrafi e margini della pagina

Per ulteriori informazioni sulla creazione di stili con formattazione che si desidera riutilizzare, vedere Creazione di un nuovo stile veloce.

Rientro della sola prima riga di un paragrafo

Testo con rientro della prima riga

  1. Fare clic davanti alla riga per cui si desidera impostare il rientro.
  2. Nella scheda Layout di pagina fare clic sul pulsante di visualizzazione della finestra di dialogo Paragrafo, quindi selezionare la scheda Rientri e spaziatura.

Pulsante di visualizzazione della finestra di dialogo Paragrafo

  1. In Rientri fare clic su Prima riga nell’elenco Speciale e quindi nella casellaRientra di impostare il valore desiderato per definire la quantità di spazio del rientro della prima riga.

 NOTA   La prima riga del paragrafo e di tutti i successivi paragrafi digitati saranno rientrate. Per tutti i paragrafi precedenti il paragrafo selezionato tuttavia il rientro dovrà essere impostato manualmente utilizzando la stessa procedura.

Aumento o riduzione del rientro sinistro di un intero paragrafo

  1. Selezionare il paragrafo che si desidera modificare.
  2. Nel gruppo Paragrafo della scheda Layout di pagina fare clic sulle frecce accanto a Rientro a sinistra per aumentare o ridurre il rientro a sinistra del paragrafo.

 

Aumento o riduzione del rientro destro di un intero paragrafo

  1. Selezionare il paragrafo che si desidera modificare.
  2. Nel gruppo Paragrafo della scheda Layout di pagina fare clic sulle frecce accanto a Rientro a destra per aumentare o ridurre il rientro a destra del paragrafo.

 

Impostazione di un rientro con il tasto TAB

  1. Fare clic sul pulsante Microsoft Office Icona del pulsante, quindi su Opzioni di Word.
  1. Fare clic su Strumenti di correzione.
  2. In Impostazioni di correzione automatica fare clic su Opzioni correzione automatica e quindi sulla scheda Formattaz. autom. durante la digitazione.
  3. Selezionare la casella di controllo Imposta il primo rientro e quello sinistro con i tasti TAB e BACKSPACE.
  4. Per impostare un rientro per la prima riga del paragrafo, fare clic all’inizio della riga.

Per impostare un rientro per l’intero paragrafo, fare clic all’inizio di una riga qualsiasi, ad eccezione della prima.

  1. Premere TAB.

 NOTA   Per rimuovere un rientro premere BACKSPACE prima di spostare il punto di inserimento. È anche possibile fare clic su Annulla sulla barra di accesso rapido.

 

Rientro di tutte le righe di un paragrafo ad eccezione della prima

Testo con rientro sporgente

  1. Selezionare il paragrafo per cui si desidera impostare un rientro sporgente, ovvero il rientro di tutte le righe ad eccezione della prima.
  2. Sul righello orizzontale trascinare l’indicatore Rientro sporgente nella posizione iniziale del rientro.

Indicatore di rientro sporgente

Se il righello orizzontale non è visualizzato nella parte superiore del documento, fare clic sul pulsante Mostra righello nella parte superiore della barra di scorrimento verticale.

UTILIZZO DI MISURE PRECISE PER IMPOSTARE UN RIENTRO SPORGENTE

Per una maggiore precisione nell’impostazione di un rientro sporgente, è possibile utilizzare le opzioni della scheda Rientri e spaziatura.

  1. Nella scheda Layout di pagina fare clic sul pulsante di visualizzazione della finestra di dialogo Paragrafo, quindi selezionare la scheda Rientri e spaziatura.

Pulsante di visualizzazione della finestra di dialogo Paragrafo

  1. In Rientri fare clic su Sporgente nell’elenco Speciale e quindi nella casellaRientra di impostare il valore desiderato per il rientro sporgente.

 

Creazione di un rientro negativo

Testo con rientro negativo

  1. Selezionare il testo o il paragrafo per cui si desidera estendere il rientro nel margine sinistro.
  2. Nel gruppo Paragrafo della scheda Layout pagina fare clic sulla freccia verso il basso nella casella Rientro a sinistra.

Continuare a fare clic sulla freccia verso il basso fino a portare il testo selezionato nella posizione desiderata sul margine sinistro.

Inserimento di intestazioni e piè di pagina

Tag

, , ,

Le intestazioni e i piè di pagina sono aree nei margini superiore, inferiore e laterale di ogni pagina di un documento.

Intestazioni e piè di pagina

Le intestazioni e i piè di pagina possono contenere sia testo che grafica. È possibile, ad esempio, aggiungere i numeri di pagina, la data e l’ora oppure il logo di una società, il titolo o il nome file del documento o anche il nome dell’autore.

Creazione della stessa intestazione o dello stesso piè di pagina per ciascuna pagina

  1. Scegliere Intestazione e piè di pagina dal menu Visualizza per passare all’area dell’intestazione o del piè di pagina su una pagina.
  2. Per creare un’intestazione, immettere il testo o l’elemento grafico desiderato nell’area dell’intestazione.
  3. Per creare un piè di pagina, fare clic su Alterna intestazione/piè di pagina Icona del pulsante sulla barra degli strumenti Intestazione e piè di paginaper passare all’area del piè di pagina, quindi immettere il testo o l’elemento grafico desiderato.
  4. Se si desidera formattare il testo, utilizzare i pulsanti sulla barra degli strumenti Formattazione.
Al termine, fare clic su Chiudi sulla barra degli strumentiIntestazione e piè di pagina.
Il testo o la grafica inseriti in un’intestazione o un piè di pagina vengono automaticamente allineati a sinistra. È possibile centrare un elemento oppure allineare più elementi in modo diverso, ad esempio la data a sinistra e il numero di pagina a destra. Per centrare un elemento, premere TAB. Per allineare un elemento a destra, premere due volte TAB.Per immettere il testo nell’area dell’intestazione o del piè di pagina è anche possibile utilizzare i pulsanti sulla barra degli strumenti Intestazione e piè di pagina.

Trova e Sostituisci Microsoft WORD

Tag

, ,

Word predispone una serie di strumenti avanzati per compiere ricerche all’interno del testo e sostituire in modo automatico gli elementi trovati con altri giudicati più appropriati.

La funzione di ricerca e sostituzione permette di compiere in modo automatico le revisioni sul testo, senza che sia necessario leggere tutto il documento.

Per attivare la funzione di ricerca selezionate il menu Modifica e scegliete la voce Trova. Word apre una finestra di dialogo nella quale sono presenti tre schede: Trova, Sostituisci Vai a .

trova e sostituisci word xp

La scheda Trova permette di cercare parole all’interno del testo. Se si seleziona questa opzione compare una casella di testo nella quale bisogna scrivere la parola ricercata e premere il pulsante Trova Successivo:

Word setaccia l’intero documento evidenziando in sequenza gli elementi che corrispondono al termine ricercato.

Per visualizzare meglio le operazioni di ricerca è utile ridurre al minimo la finestra di dialogo Trova, in modo da avere una visione complessiva del testo.

Si può andare avanti nella ricerca premendo più volte il pulsante Trova successivo: il programma continua a evidenziare i termini trovati fino ad arrivare alla fine del documento.

La seconda scheda della finestra Trova è la scheda Sostituisci. 

Se si seleziona questa opzione appaiono due caselle: nella prima è possibile specificare il termine che si vuole cercare mentre la seconda consente di sostituire la parola trovata con un nuovo termine. Si può decidere di vagliare caso per caso la sostituzione del termine cercato con un’altra parola utilizzando il pulsante Sostituisci, oppure sostituire in un’unica operazione tutte le occorrenze della parola cercata selezionando il pul­sante Sostituisci tutti .

trova e sostituisci word xp

Le opzioni Trova e Sostituisci sono utilissime per correggere un errore che si ripete in tutto il documento. Se avete sempre sbagliato a digitare un termine, per esempio, potete correggere tutti gli errori con una sola operazione: scrivete nella casella Trova il nome sbagliato e nella casella Sostituisci con il nome corretto, quindi fate clic sul pulsante Sostituisci tutto. Il termine sarà modificato automaticamente in tutto il documento.

Trova e sostituisci: funzioni avanzate

La scheda Trova della finestra di dialogo Trova e sostituisci offre molte possibilità di ricerca personalizzata. Se si seleziona il pulsante Altro la finestra si allarga ed evidenzia le opzioni di ricerca disponibili. I pulsanti di selezione esclusiva posti sul lato sinistro della finestra, per esempio, permettono di restringere o allargare il campo della ricerca secondo parametri predefiniti.

Il pulsante Maiuscole/minuscole consente di cercare le parole soltanto nell’esatta sequenza di maiuscole e minuscole con cui sono state digitate nel campo Trova .
Quando si attiva questa opzione il programma cerca una parola trascurandone tutte le occorrenze in contesti inutili. Se si sta cercando la parola alba, per esempio, il programma ignorerà il termine ogni volta che compare con la A maiuscola come nome proprio di persona.

Il pulsante Solo parole intere elimina dalla ricerca parole che sono contenute all’interno di altre parole. Per fare un esempio, mentre la ricerca semplice individua la sequenza di caratteri “mente” anche all’interno della parola “generalmente”, questa opzione permette di evidenziare solo le occorrenze in cui questa parola compare da sola e non come parte di altre parole.

L’opzione Cerca caratteri jolly permette di cercare caratteri speciali ed effettuare ricerche specifiche attraverso l’introduzione di una serie di simboli chiamati caratteri jolly.
Word fornisce un elenco di tutti i caratteri jolly che è possibile inserire per rendere specifica la ricerca. Selezionando il pulsante Speciale , infatti, è possibile visualizzare una lista di tutti i caratteri disponibili associati alla loro funzione di ricerca.

trova e sostituisci word xp

Infine, è possibile cercare parole in base al loro formato o a determinate caratteristiche grafiche. Attraverso il pulsante Formato si possono cercare soltanto le parole evidenziate o scritte con un determinato carattere, le tabelle o gli elementi grafici di un certo tipo.

Per questa opzione non è necessario specificare nessun elemento testuale nella casella Trova , in quanto la ricerca procede non sulle parole ma sugli attributi di formattazione che le caratterizzano.

Inserire le didascalie alle immagini

Tag

, , ,

Se utilizzi Office 2010/2007 e vuoi imparare come mettere una didascalia alle immagini su Word, il primo passo che devi compiere è aprire il documento con immagini in cui desideri inserire delle didascalie e cliccare sulla prima immagine a cui desideri applicare una descrizione testuale. Seleziona quindi la scheda Riferimenti dalla barra degli strumenti di Word e clicca sul pulsante Inserisci didascalia.

Nella finestra che si apre, accertati che ci sia selezionato Figura nel menu a tendina Etichetta, digita la didascalia da inserire sotto l’immagine nel campo di testo Didascalia e clicca sul pulsante OK per applicare la descrizione all’immagine. Per impostazione predefinita, Word appone il prefisso Figura 1Figura 2, ecc. a tutte le didascalie aggiunte nel documento, per togliere questa dicitura e lasciare solo il numero della didascalia, metti il segno di spunta sulla voce Escludi etichetta dalla didascalia. Inoltre, puoi fare in modo da inserire le didascalie non sotto ma sopra le immagini selezionate, scegliendo Sopra l’elemento selezionato dal menu a tendina Posizione.

I testi delle didascalie inserite in Word possono essere modificati facilmente, come se si trattasse di una qualsiasi parte di documento, semplicemente selezionandoli con il mouse e usando i pulsanti per la formattazione del testo (allineamento, grassetto, corsivo, colore, ecc.).

Come mettere didascalia alle immagini Word

Quando si scrivono delle guide o si creano spesso documenti ricchi di immagini, bisogna prendere in seria considerazione l’utilizzo delle didascalie. Le didascalie sono dei testi brevi che si possono mettere sopra o sotto le immagini contenute nei documenti per descriverne il contenuto o creare dei punti di riferimento (es. “figura 1″, “figura 2″, ecc. in una guida o in un testo didattico) utili alla comprensione del testo.

Word, il popolarissimo programma di elaborazione testi incluso nel pacchetto Office di Microsoft, permette di crearle e di inserirle facilmente in tutti i documenti in cui sono incluse immagini, tabelle o altri oggetti. Non lo sapevi? Bene, allora rimediamo subito. Eccoti spiegato in dettagliocome mettere una didascalia alle immagini su Word, vedrai che sarà un gioco da ragazzi.

La procedura per mettere una didascalia alle immagini su Word con Office 2003 o precedenti è pressoché identica a quella vista per le versioni più aggiornate della suite Microsoft, solo che c’è una diversa disposizione dei menu. Non essendoci una barra degli strumenti a schede, per inserire una didascalia bisogna cliccare sull’immagine a cui aggiungere la descrizione, recarsi nel menu Inserisci di Word e selezionare la voce Riferimento > Didascalia dal menu che compare.

A questo punto, ti ritroverai al cospetto della stessa finestra per la creazione delle didascalie vista con Office 2010/2007 e il procedimento da seguire sarà lo stesso.

Word-Office

Tag

, , ,

Nella prova d’esame vi verrà chiesto anche di svolgere una prova su Word,che in genere si occupa della formattazione del testo.

Partiamo dalla cosa più “difficile”:creare un sommario.

Il modo più semplice per creare un sommario consiste nell’utilizzare i formati dei livelli struttura o gli stili titolopredefiniti.Ci sono le istruzioni sia di Word 2003 che 2007 se ti servissero.

E’ necessario che si utilizzino gli stili nel documento.

Supponiamo di avere 3 capitoli: Capitolo 1, Capitolo 2, Capitolo 3, ciascuno con il suo testo.

Vediamo il procedimento in Word 2000-XP-2003:

1) selezioniamo la riga del Capitolo 1
2) applichiamo lo stile Titolo 1 (Word 2000-XP-2003: è sufficiente aprire la casella dello stile, presente sulla barra degli strumenti formattazione, e scegliere Titolo 1 dall’elenco; in Word2007 basta scegliere dal menu Home, nella casella degli stili lo stile Titolo 1)
3) ripetiamo l’operazione precedente per gli altri due titoli di capitolo. Bene, naturalmente la formattazione dei nostri titoli è cambiata, in base alle caratteristiche dello stile Titolo 1 (Nulla impedisce di modificare in seguito lo stile Titolo 1)
4) ora posizioniamo il punto di inserimento dove vogliamo che compaia il sommario
5) a questo punto dobbiamo solo fare clic sul menu Inserisci-Indici e sommario
6) nella finestra che si apre scegliamo in alto Sommario
7) possiamo modificare il modello in base al quale sarà creato il sommario (posizione dei numeri di pagina ecc.) e infine premere Ok
8) come risultato abbiamo un sommario generato automaticamente. Sarà costituito da 3 righe (Capitolo 1, Capitolo 2, Capitolo 3 con il loro numero di pagina).

In Word2007 per l’inserimento del sommario si procede così:

0) naturalmente avremo applicato lo stile ai nostri titoli!
1) clic sul menu Riferimenti. Sulla sinistra compare Sommario con una piccola freccia in basso. Basta cliccarci sopra e nell’elenco che si apre possiamo scegliere il primo modello predefinito di sommario e il gioco è fatto. Se vogliamo personalizzare il comando, basta cliccare al fondo di quell’elenco su Inserisci sommario… e ci troveremo in una finestra simile a quella delle versioni precedenti.
La differenza importante rispetto alla creazione manuale del sommario è questa: se modifichiamo le pagine del nostro documento aggiungendo o eliminando righe di testo, quando stamperemo il documento i numeri di pagina del sommario si aggiorneranno automaticamente.

Link di rimando nelle tabelle

Tag

, , ,

Dopo aver visto come si inseriscono le immagini e come le si linka,passiamo ai link di rimando.Spesso,nelle prove,viene chiesto di creare una pagina con tabella,nella cui prima colonna ci sono delle voci (che possono essere quelle relative alle stagioni,ai pianeti ecc).Cliccando su di esse si apre una pagina con le relative informazioni alla voce cliccata.

Supponiamo di mettere le voci relative alle stagioni. Con il procedimento del post precedente,creiamo una prima pagina mettendo la tabella e le voci nella colonna di sinistra.Poi salviamola e creiamo tante pagine html quante sono le stagioni.Ovviamente dobbiamo rimettere la stessa tabella con le stesse caratteristiche della prima pagina per tutte le stagioni.Basta copiare ed incollare il codice dalla sorgente e modificare il contenuto:

Dopo aver creato tutte le pagine con tutte le stagioni,non resta che creare il collegamento con le voci in colonna.Iniziamo a selezionare col mouse le singole stagioni.Partendo dall’estate ad esempio,dopo averlo selezionato andiamo su COLLEGAMENTO:

Si aprirà una finestra dove dovremmo inserire la pagina di rimando.Siccome la pagina di rimando l’abbiamo già creata,andiamo su SELEZIONA FILE,scegliamo la pagina relativa all’estate,la carichiamo e salviamo.

Non resta che fare lo stesso procedimento per tutte le altre stagioni!

N:B:Ricordatevi,che le voci diventeranno blu cliccabili sempre dopo che avrete chiuso,salvato e riaperto la pagina.

Inserire immagine nelle tabelle

Dopo aver visto come si inserisce una tabella,sicuramente verrà chiesto di inserire delle immagini che possono essere linkate o meno o inserire delle voci linkate,sulle quali cliccando ci porta ad un’altra pagina.Per il momento,occupiamoci del primo caso.

Supponiamo di aver creato una tabella 100*100

Supponiamo ora che nella seconda colonna vogliamo inserire un’immagine.Clicchiamo dentro la seconda colonna,e poi sulla voce IMMAGINE.

Si aprirà una finestra del genere:

Nella voce INDIRIZZO in cui ci porta automaticamente il programma,andiamo su SELEZIONA FILE,caricate l’immagine e ricordate di spostare il pallino da TESTO ALTERNATIVO in NON USARE TESTO ALTERNATIVO,altrimenti quando salverete tutto vi darà problemi(a meno che non vi sia richiesto nella traccia).

Se vi viene chiesto di modificare anche le dimensioni dell’immagine perchè magari è troppo grande(anche se non dovrebbe esserci bisogno),cliccate su DIMENSIONI,spostate il pallino su DIMENSIONI PERSONALIZZATE e se avete bisogno di non mantenere le proporzioni,togliete la spunta da MANTIENI PROPORZIONI.

In COLLEGAMENTO mettiamo il link a cui vogliamo che l’immagine ci riporti quando clicchiamo nella stringa bianca.

Se volete spostare l’immagine nella colonna a destra o a sinistra o metterla al centro,si usano le stesse mosse di quando vogliamo centralizzare,spostare a destra e a manca un testo:

Dopo che avete messo il link all’immagine,l’immagine si autoselezionerà. Ovviamente non sarà cliccabile ancora mentre state lavorando,quindi se non vi appare la manina sull’immagine dopo che avete messo il link non vi preoccupare,basta salvare la pagina e riapritela.Vedrete che comparirà la manina e cliccandovi sopra,vi porta alla pagina che avete scelto.

Spero di essere stata chiara!!

 

Le tabelle con Nvu

Tag

, ,

Abbiamo già parlato di tabelle,vi ricordate?Ora,dalla teoria passiamo alla pratica.Perchè partire dalle tabelle?Semplicemente perchè in sede d’esame,viene chiesto di creare una pagina html servendosi delle tabelle. Ad un primo impatto,non le noteremo in quanto servono solo come scheletro per costruire e ordinare bene il contenuto della pagina,ma a uno sguardo più attento potremmo notare che la pagina che dobbiamo riprodurre è dotata di righe e colonne!Facendoci due calcoli,il procedimento è semplice:apriamo il nostro programma.Basta andare su TABELLA-> INSERISCI->TABELLA

Ci apparirà la seguente schermata,dove nella voce VELOCEMENTE troveremo tante righe e tante colonne e basta scorrere sopra col mouse per scegliere il numero delle righe e delle colonne che ci servono.

Se volete essere precisi,basta cliccare sulla voce vicino  VELOCEMENTE,ovvero PRECISAMENTE e avrete una finestra del genere dove vi si chiederà esplicitamente il numero delle rispettive righe e colonne.

Una volta scelto,cliccate su OK  e vi apparirà la tabella con le caratteristiche così come l’avete chiesta.Se volete modificare la grandezza della tabella,basta cliccare su una singola cella:

Vi apparirà questa finestra e andate sulla voce TABELLA e nella voce DIMENSIONI->ALTEZZA e stesso procedimento per la larghezza.Inserite i valori che vi vengono assegnati dalla traccia e fate rimanere il % della finestra(a meno che non vi si chieda esplicitamente di cambiarlo).

Se vi viene chiesto di modificare anche l’altezza e la larghezza delle singole celle,basta che cliccate sempre due volte sulla cella e nella finestra che compare cliccate su CELLE e fate lo stesso procedimento di prima,andando in DIMENSIONI,spuntando altezza e larghezza e mettete i rispettivi valori.

Ricordate ovviamente alla fine di queste operazioni,di cliccare sempre su APPLICA->OK per apportare le modifiche alla tabella e/o cella.

 

Cos’è Nvu?

Tag

, , ,

Nvu (pronunciato N-view, inteso come “new view”) rende la gestione di un sito web facilissima. Ora qualsiasi persona può creare pagine web e gestire siti web senza avere competenze tecniche o conoscenza di HTML.

Verificate le ultime caratteristiche e schermate di Nvu qui!

  • Modifiche WYSIWYG delle pagine, rendendo la creazione di un sito web facile come scrivere una lettera con il vostro elaboratore di testi.
    .
  • Sistema di gestione file integrato via FTP. Effettuate semplicemente il login al vostro sito web e navigate attraverso i vostri file, modificate le pagine web al volo, direttamente dal vostro sito.
    .
  • Creazione codice HTML affidabile che funzionerà con tutti i più diffusi browser attuali.
    .
  • Passare tra la modalità di modifica WYSIWYG e HTML usando le schede.
    .
  • Modifiche basate sulle schede per rendere il lavoro su pagine multiple facilissimo.
    .
  • Potente supporto dei moduli, tabelle, e modelli.
    .
  • Il sistema per la creazione di siti web per utenti Linux, Microsoft Windows e Apple Macintosh  più facile da usare e più potente.

Nvu è 100% open source. Questo significa non solo che chiunque è invitato a scaricare Nvu senza costi, ma soprattutto che il suo codice sorgente è liberamente disponibile per effettuare modifiche in base alle proprie esigenze o semplicemente prenderne visione.

D’ora in poi,spiegheremo passo passo come si usa dato che a molti studenti nelle varie prove d’esame di informatica,viene chiesto di utilizzare questo editor.